Ponticelli S.r.l.

Operatore del settore rifiuti

Stampa pagina | Invia messaggio


Ponticelli nel giugno 2011 ha aperto un nuovo centro di trattamento RAEE in Provincia di Cuneo, a Mondovì.
 
Il centro è l’unico della provincia ed è autorizzato a trattare 10.000 t annue di rifiuti RAEE.
 
Nel novembre del 2011 ha ottenuto l’accreditamento presso il Centro di Coordinamento RAEE nazionale.
 
Con una superficie complessiva di 4.460 mq, l’impianto è autorizzato ad effettuare operazioni di:

1. stoccaggio di RAEE R1 (frigoriferi/clima)  da destinare a trattamento presso impianti fuori sito,
2. stoccaggio delle batterie al piombo, da destinare a trattamento presso impianti fuori sito,
3. messa in riserva e trattamento in sito di RAEE R2 (lavatrici/lavastoviglie), R3 (TV/Monitor), R4 (altri) di origine domestica e professionale.
 
Lo STOCCAGGIO/MESSA IN RISERVA DEI RAEE R1, R2, R3, R4 e delle batterie al piombo  avviene al di sotto di un capannone con pavimentazione impermeabile. All’interno  di un adiacente capannone chiuso è invece collocata la linea di TRATTAMENTO DEI RAEE  R2, R3, R4, dotata di postazioni di selezione manuale e di macchinari per la separazione meccanica delle varie componenti.
 
La MESSA IN SICUREZZA MANUALE RAEE R2, R3 e R4 consente di rimuovere le componenti pericolose e/o incompatibili con le successive lavorazioni quali cavi elettrici, scocche, condensatori, interruttori, carta catramata (lavastoviglie), vetri, parti mobili, contrappesi (lavatrici), motori, pompe, timer, guarnizioni in gomma, pile e accumulatori, materiali ceramici, componenti con amianto, cartucce toner, lampade e sorgenti luminose, oli, termometri, circuiti stampati dei telefonini, schermi a cristalli liquidi, tamburi (fotocopiatrici).
 
Il TRATTAMENTO RAEE R2 e R4, svolto lungo una linea di lavorazione dedicata, prevede la riduzione volumetrica e la frantumazione dei materiali, la separazione di componenti pericolose residue, la triturazione e la separazione meccanica dei metalli ferrosi e non ferrosi e la separazione della plastica. Il materiale residuo, costituito da plastiche miste, viene condotto verso lo stoccaggio.
 
Il TRATTAMENTO RAEE R3, eseguito anch’esso lungo una linea di lavorazione dedicata, prevede lo smontaggio delle scocche, delle piastre elettriche e delle parti metalliche. Su postazioni di lavoro con protezioni per gli operatori e con canale di raccolta della minuteria si procede con lo smontaggio manuale del giogo di deflessione, con la rimozione della fascetta metallica che ricopre la giunzione vetro schermo-retro, con il taglio del tubo catodico e la separazione dei due tipi di vetro (fronte e retro), con l’aspirazione delle polveri del retroschermo e la selezione dei vetri.
 
La linea di lavorazione dei RAEE è completata da un IMPIANTO PELACAVI, per riciclare i cavi elettrici selezionati durante le operazioni di messa in sicurezza (separazione del rame dall'involucro in PVC). Dopo il trattamento le frazioni separate vengono stoccate in contenitori di varie dimensioni in attesa di essere avviati a recupero/smaltimento ad impianti fuori sito.
 
L’impianto di nuova concezione, con attrezzature di ultima generazione, così organizzato, è in grado di ottenere il riciclo del 95% circa dei materiali trattati.

Condividi su:

Codici CER

Sezione riservata agli utenti iscritti su Rifiuti24.it.

Accedi / Registrati GRATIS
(per visualizzare le informazioni)

Ultimi annunci inseriti

Nessun annuncio inserito.

Ultimi corsi inseriti

Nessun corso inserito.

  Ponticelli S.r.l.

Via Aosta 4/6
Mondovì (CN)


Invia un messaggio


Accetto le policy sulla privacy *