trevi formazione srl

Operatore del settore rifiuti

Stampa pagina | Invia messaggio

Descrizione azienda non inserita.

Condividi su:

Categorie

Nessuna categoria inserita.

Codici CER

Sezione riservata agli utenti iscritti su Rifiuti24.it.

Accedi / Registrati GRATIS
(per visualizzare le informazioni)

Ultimi annunci inseriti

LA CORRETTA GESTIONE DEI VEICOLI FURI USO E DEI VEICOLI ABBANDONATI     Destinatari: Ambiti Territoriali Ottimali (ATO) – Aziende addette ai servizi di raccolta dei rifiuti solidi urbani - Gestori di depuratori ed impianti per il trattamento dei rifiuti, i tecnici della Pubblica Amministrazione (provinciali, comunali, ARPA ecc.), amministratori pubblici (sindaci ed assessori all’ambiente), i professionisti (diplomi tecnici, ingegneri, architetti e avvocati del diritto ambientale) interessati ad intraprendere la professione di certificatore accreditato e/o consulente per la certificazione ambientale delle organizzazioni (aziende, Pubbliche Amministrazioni, ecc.). Responsabili delle Agenzie Regionali per la Protezione dell’Ambiente, Avvocati e Consulenti privati - Responsabili, e loro collaboratori, del Servizio igiene ambientale delle Aziende USL.   (S27-14) SEMINARIO NAPOLI LA CORRETTA GESTIONE DEI VEICOLI FUORI USO E DEI VEICOLI ABBANDONATI Gli adempimenti, gli illeciti e le sanzioni   21 MARZO 2014                                 dalle ore 09,00-13,00  alle ore 14,00-16,00   VIDEOSEMINARIO NELLE SEDI:  *ANCONA   *CAGLIARI   *FERRARA *MILANO *OLBIA (OT)  *PISA *PORTO TORRES (SS)  *ROMA   *TARVISIO (UD)   *TORINO   *TRIESTE   PUOI SEGUIRE I NOSTRI CORSI ANCHE DAL TUO PC Bastano pochi requisiti: Collegamento ad internet a banda larga  - indirizzo posta elettronica  - casse oppure cuffie – microfono - Si puo' effettuare una prova gratuita prima di definire l'iscrizione Presentazione: La giornata di studi affronterà le recenti novità giurisprudenziali concernenti le competenze degli enti in ordine alle spese di rimozione e trasporto dei veicoli abbandonati sulle strade, nonché lo status di rifiuto degli stessi, in particolare quelli sulle aree private. Un argomento spesso trascurato: quello dei rimorchi. Quale la disciplina? Le ultime modifiche della cd. Legge comunitaria apportate al D. Lgs. n. 209/2003 sui veicoli fuori uso: Gli autoriparatori hanno ora l’obbligo di consegnare i pezzi usati allo stato di rifiuto, derivanti dalle riparazioni dei veicoli, direttamente ai centri di raccolta autorizzati o agli operatori autorizzati per il trasporto e la raccolta. Le novità introdotte dal D.P.R. del 13 marzo 2013 n. 59, recante la disciplina dell’autorizzazione unica ambientale e la semplificazione di adempimenti amministrativi in materia ambientale. Una facoltà o un obbligo per le aziende che trattano i veicoli fuori uso? Quali le novità? Quale il campo di applicazione e quali le aziende che la possono richiedere? Quali gli adempimenti e quali le sanzioni? La disciplina SISTRI e le nuove regole della tracciabilità dei rifiuti introdotte dalla Legge n. 125/2013 Un particolare approfondimento sarà dedicato agli adempimenti relativi alle scritture ambientali per le aziende non sottoposte al SISTRI: formulari di identificazione dei rifiuti, i registri di carico e scarico, il MUD. PROGRAMMA   Il veicolo fuori uso: definizione – classificazione di rifiuto La gestione dei veicoli fuori uso nel combinato disposto del D. Lgs. 209/03 e del D. Lgs 152/06 I veicoli in stato di abbandono in area pubblica o privata: casi e procedure I veicoli stargati (in area pubblica e in area privata) L’accesso alla proprietà privata per l’accertamento degli illeciti concernenti i veicoli fuori uso Il veicolo destinato alla demolizione e gli obblighi connessi: la consegna del veicolo al concessionario; la consegna direttamente al centro di raccolta; La rottamazione del veicolo e la cancellazione dal PRA Un argomento spesso trascurato: quello dei rimorchi. Quale la disciplina? Il sistema sanzionatorio: l’abbandono del veicolo; la discarica di veicoli fuori uso. La disciplina derogatoria nelle Regioni in emergenza rifiuti L’ordinanza di rimozione del veicolo fuori uso nell’evoluzione giurisprudenziale: i presupposti normativi e l’individuazione dell’organo competente alla sua emissione La responsabilità penale del dirigente comunale per la non corretta gestione dei veicoli fuori uso o abbandonati L’autorizzazione per l’attività di raccolta, trasporto e demolizione dei veicoli alla luce del D.P.R. del 13 marzo 2013 n. 59, recante il “Regolamento recante la disciplina dell’autorizzazione unica ambientale e la semplificazione di adempimenti amministrativi in materia ambientale La disciplina SISTRI e le recenti novità introdotte dalla Legge n. 125/2013 La tenuta dei registri di carico e scarico -  Formulari d’identificazione dei rifiuti – MUD La vendita dei pezzi di ricambio: autorizzazioni e sanzioni Prontuario e modulistica completa Ampio spazio ai quesiti Docente: Avv. Gaetano Alborino           Dirigente di Polizia Municipale e del Settore Ambiente ed Ecologia. Cultore della materia Economia Aziendale presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università Parthenope di Napoli MODALITA' D’ISCRIZIONE QUOTA DI PARTECIPAZIONE:  385,00 €  -  Comprensiva di materiale didattico Collegamento dal proprio pc:   385,00 €  - quota individuale Per Enti locali esenti iva ai sensi dell'Art.10 DPR n. 633/72 così come dispone l'art.14, comma 10 legge 537 del 24/12/93 – aggiungere all’importo totale  € 2,00 (Marca da Bollo)   INFORMAZIONI LOGISTICHE E PRENOTAZIONI: Segreteria Tel 081.5629323 - fax 081.0608250 cell 348.8048974   Indirizzi Sedi   Ancona C/o Amm.ne Comunale di Ancona - Via Frediani, 12 Cagliari C/o hotel sardegna Ferrara VIA BOCCACANALE DI SANTO STEFANO, 24 Milano C/o Via Conservatorio, 22 Napoli V.le della Costituzione Centro Direzionale di Napoli – IS.C2 Scala A Olbia C/o Aeroporto Olbia - Costa Smeralda – Meeting e Business Center- 1°piano" pISA Via Giuntini 13,  56023 Navacchio – CASCINA  (PI) Porto Torres C/o Amm.ne Comunale di Porto Torres – P.zza Walter Frau, 2 Roma C/o Time for business -  Via Lima, 7 Tarvisio C/o Centro Culturale di Tarvisio – Via Giovanni Paolo II, 1 Torino C/o Toolbox  - Via Agostino da Montefeltro, 2  

   Leggi tutto   

DEPOSITI INCONTROLLATI DI RIFIUTI E DISCARICHE ABUSIVE     Destinatari: Ambiti Territoriali Ottimali (ATO) – Aziende addette ai servizi di raccolta dei rifiuti solidi urbani - Gestori di depuratori ed impianti per il trattamento dei rifiuti, i tecnici della Pubblica Amministrazione (provinciali, comunali, ARPA ecc.), amministratori pubblici (sindaci ed assessori all’ambiente), i professionisti (diplomi tecnici, ingegneri, architetti e avvocati del diritto ambientale) interessati ad intraprendere la professione di certificatore accreditato e/o consulente per la certificazione ambientale delle organizzazioni (aziende, Pubbliche Amministrazioni, ecc.). Responsabili delle Agenzie Regionali per la Protezione dell’Ambiente, Avvocati e Consulenti privati - Responsabili, e loro collaboratori, del Servizio igiene ambientale delle Aziende USL.   (S24-14) SEMINARIO NAPOLI   DEPOSITI INCONTROLLATI DI RIFIUTI E DISCARICHE ABUSIVE Le linee guida ARPA per la rimozione dei rifiuti abbandonati su aree pubbliche e private Le ordinanze in materia di rifiuti e la responsabilità penale e amministrativa del proprietario dell’area: configurabilità ed esclusione Gli adempimenti dei Comuni e delle Province Le ultime novità introdotte dal cd. Decreto per la terra dei fuochi   24 marzo   2014                                 dalle ore 09,00-13,00  alle ore 14,00-16,00   VIDEOSEMINARIO NELLE SEDI:  *ANCONA   *CAGLIARI   *FERRARA *MILANO *OLBIA (OT)  *PISA *PORTO TORRES (SS)  *ROMA   *TARVISIO (UD)   *TORINO   *TRIESTE   PUOI SEGUIRE I NOSTRI CORSI ANCHE DAL TUO PC Bastano pochi requisiti: Collegamento ad internet a banda larga  - indirizzo posta elettronica  - casse oppure cuffie – microfono - Si puo' effettuare una prova gratuita prima di definire l'iscrizione Presentazione Su tutto: l’accertamento della responsabilità amministrativa e penale del proprietario - cd. incolpevole - del fondo inquinato. Quali le condizioni che devono ricorrere ai fini della imputabilità del proprietario dell’area? La responsabilità penale dei titolari di imprese e dei responsabili di enti nella giurisprudenza recente della Corte di Cassazione. Ancora un caso controverso: i rifiuti abbandonati sui cigli delle strade. A chi compete la loro rimozione e lo smaltimento? L’ordinanza di rimozione dei rifiuti: Quale organo l’adotta? Quali sono le condizioni per la sua legittimità? Quale il contenuto? L’ordinanza contingibile ed urgente: quali i presupposti? La procedura di esecuzione in danno: criticità e soluzioni. Infine, il nuovo decreto cd. Terra dei fuochi, che ha introdotto nel Codice dell’Ambiente l’art. 256 bis, che prevede … … AMPIO SPAZIO AI QUESITI Programma   La nuova disciplina dei rifiuti: i principi generali, l’ambito di applicazione della disciplina, le finalità, il recupero e lo smaltimento. Le recenti novità introdotte al Testo Unico dell’Ambiente. La nozione e la classificazione dei rifiuti. Il deposito temporaneo: gli aspetti leciti e i rischi di illegalità connessi. L’abbandono e il deposito incontrollato dei rifiuti nel nuovo Testo Unico dell’Ambiente. Il sistema di video sorveglianza per la prevenzione e la repressione dei depositi incontrollati di rifiuti e delle discariche abusive nell’evoluzione normativa e giurisprudenziale. La videoregistrazione come prova documentale di un illecito. I provvedimenti del Garante della privacy. L’accesso alla proprietà privata per l’accertamento degli illeciti amministrativi e penali. La corretta individuazione del proprietario del fondo: il valore sussidiario e secondario delle mappe catastali. L’ordinanza ai sensi dell’art. 192, comma 3, del D. Lgs. 152/2006 per la rimozione dei rifiuti nell’evoluzione giurisprudenziale: a chi compete l’emissione? Il contraddittorio con i soggetti interessati. L’ordinanza sindacale contingibile ed urgente a tutela dell’igiene e della salute pubblica, ai sensi degli articoli 50 e 54 del D. Lgs. n. 267/2000 (T.U. degli enti locali). Configurabilità e differenza rispetto all’ordinanza di cui al D. Lgs. 152/2006. Il criterio di imputazione della responsabilità per gli obblighi di ripristino e/o di bonifica alla luce del nuovo Codice dell’Ambiente: dalla mera responsabilità oggettiva alla responsabilità per colpa. L’accertamento della responsabilità del proprietario del fondo inquinato. La responsabilità concorrente del proprietario. L’inquinamento causato da terzi e la posizione del proprietario incolpevole. Il curatore fallimentare quale destinatario dell’ordinanza di rimozione dei rifiuti. La responsabilità soggettiva per inquinamento e bonifica in danno della procedura fallimentare. Gli adempimenti e i provvedimenti della Pubblica Amministrazione nel caso di abbandono di rifiuti effettuato da ignoti su aree pubbliche e private. Gli obblighi e le competenze del Comune nel ripristino dello stato di luoghi L’abbandono di rifiuti e il deposito incontrollato sulle aree del demanio: In particolare, il demanio marittimo. L’abbandono di rifiuti su aree di proprietà dello Stato: casi e procedure da adottare Un caso ricorrente: i rifiuti sui cigli della strada. A chi compete la rimozione e lo smaltimento nel recente orientamento della giurisprudenza? La responsabilità penale del Sindaco e del Dirigente del Settore Ambiente per la non corretta gestione dei rifiuti. Il sistema sanzionatorio alla luce del nuovo Decreto Correttivo del Testo Unico Ambientale. La competenza ad irrogare le sanzioni amministrative. L’ordinanza ingiunzione: il termine per l’emissione. Il giudizio di opposizione avverso le ordinanze ingiunzione applicative delle sanzioni amministrative ambientali. L’appellabilità delle sentenze che decidono l’opposizione avverso le ordinanze ingiunzione La realizzazione e gestione della discarica abusiva: un concetto definito solo dalla Giurisprudenza La differenza con l’abbandono di rifiuti Configurazione La sanzione penale e la confisca dell’area Rassegna giurisprudenziale Casi applicativi: strutturazione della comunicazione di notizia di reato, del verbale di sequestro giudiziario e del verbale amministrativo di accertamento dell’infrazione. Modelli di ordinanza di rimozione e di smaltimento dei rifiuti Prontuario e modulistica Ampia panoramica di quesiti già risolti Docente: Avv. Gaetano Alborino           Dirigente di Polizia Municipale e del Settore Ambiente ed Ecologia. Cultore della materia Economia Aziendale presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università Parthenope di Napoli MODALITA' D’ISCRIZIONE QUOTA DI PARTECIPAZIONE:  385,00 €  -  Comprensiva di materiale didattico Collegamento dal proprio pc:   385,00 €  - quota individuale Per Enti locali esenti iva ai sensi dell'Art.10 DPR n. 633/72 così come dispone l'art.14, comma 10 legge 537 del 24/12/93 – aggiungere all’importo totale  € 2,00 (Marca da Bollo)   INFORMAZIONI LOGISTICHE E PRENOTAZIONI: Segreteria Tel 081.5629323 - fax 081.0608250 cell 348.8048974 – e-mail:  trevi@treviformazione.it - web: www.treviformazione.it   Indirizzi Sedi   Ancona C/o Amm.ne Comunale di Ancona - Via Frediani, 12 Cagliari C/o hotel sardegna Ferrara VIA BOCCACANALE DI SANTO STEFANO, 24 Milano C/o Via Conservatorio, 22 Napoli V.le della Costituzione Centro Direzionale di Napoli – IS.C2 Scala A Olbia C/o Aeroporto Olbia - Costa Smeralda – Meeting e Business Center- 1°piano" pISA Via Giuntini 13,  56023 Navacchio – CASCINA  (PI) Porto Torres C/o Amm.ne Comunale di Porto Torres – P.zza Walter Frau, 2 Roma C/o Time for business -  Via Lima, 7 Tarvisio C/o Centro Culturale di Tarvisio – Via Giovanni Paolo II, 1 Torino C/o Toolbox  - Via Agostino da Montefeltro, 2  

   Leggi tutto   

Ultimi corsi inseriti

FORMULARIDIIDENTIFICAZIONE DEI RIFIUTI - REGISTRI DI CARICO E SCARICO - SISTRI - IL NUOVO REGOLAMENTO DELL'ALBO GESTORI AMBIENTALI - OBBLIGHI E RESPONSABILITA' PER IMPRESE ED ENTI Presentazione L'obiettivo primario del corso è quello di approfondire gli adempimenti sulla tracciabilità  dei rifiuti per le aziende e per gli enti (pubblici e privati), alla luce degli ultimi interventi di riforma del Testo Unico Ambientale: i formulari di identificazione dei rifiuti, i registri di carico e scarico, il MUD, il Sistri. Tra le scritture ambientali, una approfondita trattazione sarà  riservata ai registri di carico e scarico, la cui disciplina è stata profondamente modificata dalla Legge n. 125/2013. Particolare spazio sarà  dedicato al SISTRI e alle importanti novità  introdotte dal D.M. 24 aprile 2014, dal Decreto cd. Competività  n. 91/2014 ed, infine, dal Decreto cd. Mille proroghe 2015: Chi sono i soggetti obbligati? Quali sono gli adempimenti? Quali le sanzioni? Casi particolari: il trasporto di rottami ferrosi; il trasporto dei rifiuti in forma ambulante; il trasporto di rifiuti da costruzione e demolizione; il trasporto di rifiuti agricoli; il trasporto cd. occasionale … … Il nuovo Regolamento Albo Gestori Ambientali, approvato con D.M. 120/2014. Infine, le novità  introdotte dal D.P.R. del 13 marzo 2013 n. 59, recante la disciplina dell'autorizzazione unica ambientale e la semplificazione di adempimenti amministrativi in materia ambientale. Una facoltà  o un obbligo per le aziende che producono e/o trasportano rifiuti? Quali le novità ? Quale il campo di applicazione e quali le aziende che la possono richiedere? Quali gli adempimenti e quali le sanzioni? Ampio spazio ai quesiti

   Leggi tutto   

LA NUOVA FIGURA DELL'ISPETTORE AMBIENTALE 27 FEBBRAIO 2013 La nuova figura dell'Ispettore Ambientale La repressione degli illeciti ambientali sanzionati dal Codice dell'Ambiente, dai Regolamenti Comunali e dalle Ordinanze SindacaliADESSO PUOI SEGUIRE I NOSTRI CORSI ANCHE DAL TUO PC PER IL PROGRAMMA DETTAGLIATO : WWW.TREVIFORMAZIONE.IT TEL 0815629323

   Leggi tutto   

  trevi formazione srl

viale della costituzione isola c2
Napoli (NA)


Invia un messaggio


Accetto le policy sulla privacy *